Quando:
22 gennaio 2018@17:00–31 gennaio 2018@19:00 Europe/Rome Fuso orario
2018-01-22T17:00:00+01:00
2018-01-31T19:00:00+01:00
Dove:
Casa editrice La Tecnica della Scuola
Via Tripolitania
12, 95127 Catania CT
Italia
Costo:
40 euro (acquistabile anche con carta docente)
Contatto:
La Tecnica della Scuola
095 448780 - 337 419543

 

COSTRUIRE UN GRUPPO-CLASSE
PER CONDIVIDERE REGOLE DI CONVIVENZA CIVILE

CORSO CHIUSO

> RELATORE: Enrico Bottero

> COSTO: 40 euro
LA CASA EDITRICE LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ ENTE DI FORMAZIONE ACCREDITATO DAL MIUR
Puoi acquistare i webinar anche con la CARTA DOCENTE

Saranno svolti 2 incontri in webinar di 2 ore ciascuno
> Lunedì 22 gennaio 2018 – Ore 17.00/19.00
> Mercoledì 31 gennaio 2018 – Ore 17.00/19.00

SCARICA LA SCHEDA DEL CORSO

Potrai rivedere la registrazione dei tuoi webinar senza limiti di tempo, anche in caso di assenza.
Per accedere, ti basterà acquistare il corso on line attraverso il nostro STORE. Con le stesse credenziali potrai visionare tutti i materiali del corso sulla piattaforma formazione.tecnicadellascuola.it

Il fondamento della scuola della Repubblica sono  la classe e la scuola intese non come luoghi di affinità elettive ma come spazi di incontro di individui diversi per origine familiare e culturale. È dunque necessario operare per costruire la classe come gruppo.  Contestualmente, è importante operare per costruire la scuola in quanto gruppo più ampio di soggetti impegnati in un progetto comune. Per far ciò, è indispensabile acquisire la consapevolezza che la scuola e la classe sono  spazi pubblici, non privati, retti da regole condivise grazie a un patto comune. La distinzione tra spazio pubblico e spazio privato non è evidente per molti ragazzi di oggi (a volte, neppure per i loro genitori). Di qui la necessità di indagare metodi e strategie per costruire “istituzioni” a partire dalla scuola. Il termine « istituzioni » rinvia a tutte le regole che si decidono in funzione di realtà che si evolvono continuamente: organizzazione del tempo, funzioni, ruoli, regole di comportamento, ecc.

> DESTINATARI
Docenti di scuola di ogni ordine e grado

> PUNTI TEMATICI

Per comprendere e conoscere è necessario che gli allievi si sentano coinvolti in un’attività. È dunque importante lavorare sulla loro “postura mentale”, intendendo con essa il modo con cui si avvicinano alle attività scolastiche prima che i saperi diventino oggetti di conoscenza.
Il lavoro per progetti (attività finalizzate per mettere ciascuno nella condizione di costruire da se stesso il sapere) come strategia  per mediatizzare le relazioni interpersonali riducendo le spinte emotive  dei singoli (“fare insieme” per meglio “vivere insieme”). La relazione con gli oggetti culturali e la sottomissione alle loro regole,  sia in senso specifico (rispetto del metodo di quel campo del sapere)  sia in senso generale (priorità dell’argomentazione razionale rispetto all’opinione). L’attività di insegnamento come ideazione di pratiche per aiutare l’allievo a costruire l’oggetto (forme simboliche) e a interagire con esso secondo esigenze di precisione, esattezza e verità. I rituali di organizzazione dello spazio aula e degli spazi comuni (dall’auditorium scriptorium ad uno spazio flessibile adattabile allo svolgimento di attività cooperative), del tempo  (flessibilità e rituali del tempo) e dei comportamenti (regole e dispositivi per favorirne il rispetto). Come costruire luoghi di parola organizzati e strutturati in cui siano discussi problemi e difficoltà degli allievi. Ipotesi per costruire “istituzioni”  anche al di là della classe, a livello di scuola.

> OBIETTIVI

  • Acquisire consapevolezza della relazione esistente tra costruzione partecipata dello spazio collettivo e cittadinanza democratica e dei relativi compiti della scuola in questo campo.
  • Acquisire consapevolezza dell’importanza  delle “istituzioni” al fine di una buona organizzazione dell’attività didattica e delle diverse possibilità di intervento formativo.
  • Riflettere sulla necessità di saper interpretare  attese e resistenze degli allievi.
  • Acquisire consapevolezza dell’importanza di un contratto didattico con gli allievi come premessa per  realizzare la valutazione formativa.
  • Acquisire coscienza della priorità della valutazione formativa rispetto alle altre forme e funzioni della valutazione in quanto determinante nella definizione delle relazioni insegnante-allievi e di un patto condiviso di vita collettiva.
  • Conoscere la funzione e l’importanza dei rituali di organizzazione della vita della classe e della scuola.

> MAPPATURA DELLE COMPETENZE

  • Disponibilità a considerare l’importanza della postura mentale degli allievi  nei diversi momenti delle attività scolastiche e della necessità di prepararla.
  • Attenzione all’esercizio dell’autorità “in quanto …”, cioè in quanto dotati di una responsabilità specifica. Tale responsabilità non deriva solo dall’investitura istituzionale ma anche da un contratto implicito o esplicito con gli allievi. Nell’ambito del contratto gli stessi allievi sono investiti di incarichi responsabilità personale.
  • Capacità di gestire spazi, tempi e di condividere regole comuni con gli allievi, indagando le strategie possibili per costruire con gradualità “istituzioni” (funzione dei rituali).
  • Attenzione all’importanza del rispetto di principi etici nel guidare un percorso formativo: quale soggetto stiamo formando? Stiamo agendo bene  o stiamo favorendo, anche inconsapevolmente, esiti negativi con le nostre scelte e atteggiamenti?

Per un approfondimento dei temi che saranno trattati nel corso vedi www.enricobottero.com, alle pagine Educazione civile e Philippe Meirieu.

> TITOLO RILASCIATO
La Casa Editrice La Tecnica della Scuola è ente di formazione accreditato dal Miur per la formazione del personale della scuola (prot. n. AOODGPER/6834/2012) ai sensi della direttiva ministeriale n. 90/2003 adeguato ai sensi della Direttiva n. 170/2016.
Ai fini del rilascio dell’attestato di partecipazione, il percorso di formazione si conclude con un test di verifica e un questionario di gradimento del corso di cui è richiesto il completamento entro e non oltre 10 giorni dall’ultimo incontro.

Il corso è presente anche sulla piattaforma ministeriale Sofia, sulla quale sarà possibile iscriversi prima dell’inizio del corso.

Segui la diretta comodamente da casa sul tuo pc. Il corso si svolge on line con il docente dal vivo. Durante le sessioni potrai interagire con il relatore tramite chat.

 

Costruire un gruppo-classe per condividere regole di convivenza civile